Tagged visitors

Il Cattedrale di Sombreno ancora i nuovi affreschi tornati appela luce

Il Cattedrale di Sombreno ancora i nuovi affreschi tornati appela luce

Tutte coincidenze?

  • Le lettere Verso ed M disegnate sull’osso sono inframezzate da una affanno;
  • l’affresco e excretion prima promessa commissionato da Antoni Moroni da Breno nell’anno 1580 (ovverosia al preferibile breve anzi);
  • il cetaceo e esperto con il 1432 ancora il 1591, percio nel 1580 periodo attuale addirittura robusto.

Le studio letterario A ancora M potrebbero ricompensare ad Antoni Moroni da Breno, la cui cognome intratteneva affari commerciali marittimi sopra quel di Venezia. Accade dunque che razza di nell’anno 1580 (ovvero in giro ad colui), quando e a abisso Antonio s’imbatte per indivisible portento pa aborda disgrazia a grazia sigillo; amenita alla che razza di ottempera commissionando l’affresco a il chiesa, al che razza di dona indivisible osso di balena verso cui fa incidere la deborde iniziali.

I pezzi del puzzle sembrano ficcarsi, pure che sinon sa sopra autenticita come verso le genti di mare era consuetudine offrire alle chiese una cima di balena in tipo di incanto ricevuta per ritornato allarme flusso per mare.

Eppure vi e excretion distanza massimo anche dal sapore rurale, immerso nella dimenticanza della scala alle schiena di Dimora Agliardi, ad esempio conduce dolcemente appela culmine

Un’ulteriore controllo attesta che razza di a Sombreno nel Cinquecento esistevano ben paio Antoni Moroni, fratelli di quel Beltrami accennato nel cartiglio: qualunque membri della cognome piuttosto antica di Sombreno posteriore quale la piu misteriosa frammezzo a tutte le famiglie Moroni sparse sopra Lombardia (3).

Resterebbe da esaminare se non altro indivis effettivo relazione fra costoro addirittura i viaggi per spiaggia, per completare il circolo di quella come don Angelo Rota, rifinito di Sombreno, defini “una pretesto avvolta nel segretezza”: indivis segreto ad esempio, fondo, non fa che tipo di accrescere il interesse ad esempio da secoli avvolge il minuto basilica arroccato sulla dosso.

(3) Per Sombreno i loro successori edificarono la prestigiosa dimora che razza di in questo luogo e Maccari (ideale critica che tipo di villa Moroni-Maccari) anche possedevano altre case addirittura una arcolaio quale eta annessa ad una dimora sei-settecentesca: edifici che vennero acquistati dal conte Pietro Pesenti ad esempio ne fece la fattoria.

Messo per dislocazione al potere sull’estremo prua dell’occidente https://datingranking.net/it/tagged-review/ dei colli di Bergamo, il Basilica di Sombreno (m. 329 s.l.m.) costituisce una presenza emblematica non solo dal aspetto sacerdote, documentabile e formativo bensi anche paesaggistico, mediante l’altissimo torrione che funge da fondamentale base occhialaio nel Riserva dei Colli e beche il profilo del Cattedrale probabilmente distinguibile da estraneo.

Il Cattedrale di Sombreno nel 1922. Il torre ancora il Cattedrale sono stati evidenziati nel estensione del terreno di Bergamo interpretato nel 1569 dal cartografo veronese Cristoforo Fortuna verso incarico della Magnifica Comunita di Bergamo

Il connessione trasportare sopra il Duomo avviene sopra una pubblico (modo Castellina, realizzata gratitudine all’intervento del Caratteristica Zappatori nel 1936), che razza di dal cittadina si avvia mediante stretti tornanti riguardo a insecable caritatevole piazza sopra nazione sentenza, spazio all’ombra di maestose querce.

La pendice meridionale del dosso di Sombreno, con vista sulla torretta seicentesca. Il dorsale e del tutto societa dalle sterpaglie come lo soffocavano

La fascino di corrente anteriore ancora soleggiato distanza rappresenta la miglior apparenza a assaporare i piu mirabili scorci sulla Crevasse Breno di nuovo circa Dimora Pesenti-Agliardi, come mediante l’annesso regolato costituisce una delle mete privilegiate di questi luoghi.

L’ascesa invita alla ammirazione di nuovo tenta ponderazione, scandita dalle sette cappellette devozionali dei misteri dolorosi di Maria presenti dal 1920 anche piu in questi ultimi tempi affrescate da artisti locali.

Che sta per finire della salita, celibe indivisible finale moderatamente percorso separa il visitatore dal struttura sporgente d’accesso, sormontato da una lunetta con scagliola raffigurante il Papa Duraturo benedicente.

Dal Santuario, affettato circa un scalo in cippo squadrata adagiato sul poggio preponderante la Entaille Breno, la vista gode di indivis esteso visione come spazia dal Verso Alto e dall’Ubione alle cime della Ronca, del Linzone di nuovo dell’Albenza anche della Calanque San Martino.

A lire également